Per fronteggiare l'attuale emergenza da COVID-19 la Società della Salute Senese, in sinergia con tutti i Comuni della zona senese, ha attivato un servizio di consegna della spesa a domicilio rivolto a persone anziane, disabili e fragili che a causa delle precarie condizioni di salute, di autonomia o di solitudine, non possono provvedere autonomamente o non possono contare su risorse familiari.
Il servizio si svolge su tutti i 15 Comuni di competenza della SdS Senese (Asciano, Buonconvento, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga, Chiusdino, Gaiole in Chianti, Montalcino, Monteriggioni, Monteroni d'Arbia, Monticiano, Murlo, Radda in Chianti, Rapolano Terme, Siena, Sovicille), grazie alla preziosa collaborazione dei volontari di diverse Associazioni (Pubblica Assistenza, Misericordia, La Racchetta, altre associazioni locali), della Caritas e, per la città di Siena, delle Contrade.

Come previsto dalla Delibera della Giunta Regionale Toscana n.322/2020, il servizio si rivolge soprattutto alle persone già in carico ai servizi della SdS Senese, ma è possibile estenderlo anche a nuovi utenti, tramite segnalazione al numero dedicato 0577 210269, attivo dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 12.00.
Al telefono rispondono i volontari che concordano con gli utenti i generi da acquistare e i tempi della consegna. Il numero massimo di consegne settimanali è fissato a due per ogni richiedente, i costi di consegna della spesa sono a carico del fondo istituito da Regione Toscana mentre il costo dei beni consegnati resta a carico dei richiedenti.
I volontari che portano la spesa a domicilio sono tutti dotati di idonei presidi di protezione individuale (mascherine, guanti monouso, disinfettanti per le mani, ecc.).

“Nel nostro territorio – afferma il presidente della SdS Senese Giuseppe Gugliotti - le associazioni di volontariato, la Protezione Civile, i centri commerciali e i piccoli negozi di vicinato hanno già assunto l’iniziativa della consegna della spesa a domicilio per supportare la popolazione. L’intervento attivato con i fondi regionali, indirizzato soprattutto ad aiutare gli anziani, i disabili e le persone fragili, integra questa articolata rete di solidarietà, creando ulteriori e più efficienti sinergie. Ringrazio tutti gli operatori del mondo del volontariato e delle Contrade, sempre in prima linea nell’offrire aiuto alla comunità, e gli esercizi commerciali che stanno collaborando con grande impegno a questo progetto.”